Espadrillas, come indossarle e abbinarle

Monica

Le espadrillas sono scarpe di stoffa estive provenienti dalla Spagna molto utilizzate in tutto il mondo. Esistono modelli con la zeppa, bassi, con tacco e tanto colorati. Vediamo come abbinarli e a chi stanno bene.

Tra i must have dell’estate svettano nella classifica delle calzature le espadrillas, le scarpe di corda largamente utilizzate e apprezzate per la loro praticità. Degne sostitute delle alternative invernali, sono leggere più delle sneakers e igieniche più dei sandali.

L’espadrillas hanno negli anni diviso i pareri e infatti ad oggi c’è chi le ama alla follia e chi le odia allo stesso modo. Sdoganata l’idea che possano essere utilizzate solo in vacanza, qui di seguito possiamo scoprire come indossarle anche in città e non rinunciare alle apprezzatissime scarpe di corda.

Cosa sono le espadrillas

Con l’arrivo dell’estate è davvero impossibile non notare con quanta velocità facciano capolino le espadrillas. Queste scarpe di corda non registrano una nascita recente e infatti pare siano nate addirittura nel XIV secolo, dove in origine venivano utilizzate come scarpe dei contadini. Queste scarpe affondano le proprie origini in Spagna e hanno forti legami storici con le regioni della Catalogna e dei Paesi Baschi.

Si tratta di scarpe basse che hanno tela o cotone o tessuto pregiato e una tela flessibile in corda di iuta che la rendono flessibile e comoda. La scarpa registrò un subitaneo successo, tanto da diventare moda degli anni quaranta.

Negli anni ‘80 fece seguito un nuovo successo delle calzature grazie a Miami Vice mentre è registrato ad alcuni anni fa la prepotente rivalsa delle espadrillas, ritornate ai piedi delle influencer e delle fashion blogger. soprattutto nella lussuosa versione Chanel e in quella economica Toms.

Espadrillas per il mare

Inutile negarlo: le espadrillas in estate vengono largamente utilizzate al mare e in vacanza, soprattutto abbinate ad uno stile boho, abiti estivi e versione gitana. Questa scarpa ha la capacità di tenere il piede ben saldo, a differenza delle infradito, e vince senza alcun dubbio in praticità. Le espadrillas a suola bassa determinano un look curato, ben scelto ma easy e perfettamente in linea con la stagione estiva.

Un bel costume abbinato al copricostume ed espadrillas rende il look fresco ed elegante mentre per smorzare un po’ l’impegno dell’outfit e puntare tutto sulla comodità, è possibile abbinare la scarpa agli shorts, camicia interna e zainetto cuoio. Intramontabile.

Per le irrimediabili e irrinunciabili amanti del rialzo, arrivano in soccorso le espadrillas con la zeppa alta e il cinturino alla caviglia che promettono un effetto diva da spiaggia assicurato.

Espadrillas per la città

Sdoganiamo una volta per tutte l’idea che le espadrillas siano soltanto da mare. Molte influencer nonché dive hanno adottato la scarpa bassa anche in città, forti del fatto che fosse comoda, fresca e decisamente più pratica dei sandali. Mentre al mare il fisico è quasi del tutto esposto e quindi a qualcuno il raso terra non può andare giù ma preferisce lo slancio della zeppa, in città basta optare per un look total black: pantaloni a sigaretta e top da abbinare a un paio di espadrillas raso terra. Per ravvivare il look basic basterà impreziosire con gli accessori.

Come abbinare le espadrillas

Le espadrillas aprono uno scenario ampio in termini di abbinamenti e restano in assoluto le scarpe estive più versatili. La variopinta cromia e le forme più disparate rendono la scelta dell’outfit ancor più stimolante.

Innanzitutto bisogna prestare attenzione all’occasione e al luogo nel quale sfoggiarle. Abbiamo già visto come sia possibile utilizzarle sia in città che al mare. In genere il raso terra wild è adatto alle vacanze o comunque a quei luoghi selvaggi e marini mentre l’espadrillas chiusa, modello Chanel, si adatta meglio alle passeggiate cittadine ed è il giusto compromesso tra le scarpe e i sandali. È chiaro che il modello a collo largo e cinturino con zeppa è adatto a un abito bon ton e ad un appuntamento che richieda un outfit ricercato mentre il modello classico raso terra e senza impegno serve a smorzare gli outfit mare rendendoli frivoli e confortevoli.

Per evitare errori di stile è importante quindi saper scegliere l’espadrillas giusta ma soprattutto adattarla al contesto.

Idee per indossare le espadrillas

Una volta constatato il luogo e l’occasione in cui sfoggiare le espadrillas, è il momento di dare libero sfogo alla creatività. Scegliere gli outfit è in assoluto il passaggio più divertente.

Abbiamo già visto come la scarpa bassa sia un’alternativa alla spiaggia e alle passeggiate marine ai sandali, pulite, comode e fresche permettono di smorzare gli outfit troppo impegnativi e rendere divertenti quelli da spiaggia. Con un copricostume, shorts e canotta, magari abbinato a uno zainetto o a una borsa piccola a tracolla, è perfetto il modello basso. In questo caso è importante scegliere il modello slip on. Quest’ultimo non deve essere però arginato alle sole passeggiate in spiaggia, con un paio di shorts a vita alta e una camicia, può diventare magicamente scarpetta accessorio da abbinare a una maxi bag e a gioielli preziosi che possano rendere l’espadrillas perfette alleate di stile cittadino.

Se il look invece diventa impegnativo e chic, non è detto che si debba necessariamente puntare al tacco 12, anche se bisogna ammettere che faccia una certa differenza, ma al total look nero, pantalone a sigaretta e camicia, l’espadrillas sarà perfettamente concorde, Magari il modello Chanel, chiuso, rende ancor meglio il tutto.

Da non sottovalutare poi lo slancio femminile dell’espadrillas con laccetto alla caviglia e zeppa, che ben si sposa sia con pantaloni a sigaretta sia coi vestitini sia con le tute, in questo caso chi più ne ha, più ne metta.

I modelli di espadrillas

Parlare di espadrillas apre uno scenario ampio e variopinto. Questo perché, le tipiche scarpe in corda, sono diventate oggetto di creatività di molti brand che le hanno rivisitate e rimodernate. Ne esistono in commercio anche in pelle o con zeppa, realtà che ben si discosta dalla flat a cui tutti siamo abituati.

L’espadrillas con zeppa è proprio quel modello che corre ai ripari nei confronti di chi non riesce a rinunciare alle altezze. Perfette per le serate romantiche o sotto quegli abiti che necessitano di un tocco di eleganza. Al bivio tra a classica e quella con zeppa troviamo il modello platform, l’espadrillas con plateau orizzontale.

Un modello inusuale ma che sta conquistando le passerelle è l’espadrillas in pelle, molto simili alle ballerine ma decisamente meno bon ton e più rock and roll. Per un look femminile non può poi mancare il laccio alla caviglia o lungo il polpaccio, per ricreare l’effetto sandalo alla schiava.

Ogni articolo che si rispetti ha poi un must have, per l’espadrillas questo si traduce in: modello in pizzo. Adatto proprio a tutte le donne, bambine comprese. Non mancano poi fantasie e colori, colli più o meno ampi, spuntate alla caviglia o in punta e, udite udite, il modello sposa! Si tratta di un paio di espadrillas bianche decorato con pizzo o tessuto all’uncinetto e spesso flat. Ottimi per vestiti boho o per matrimoni hippy in spiaggia.

A chi stanno bene le espadrillas

Ci sono articoli che stanno bene a tutte e articoli che rendono meno. Nel caso delle espadrillas bisogna sdoganare alcune incertezze. È chiaro come si tratti di scarpe che non slancino la figura; quando non si gode di particolare altezza è bene non eccedere coi modelli flat ma azzardare l’altezza platform o zeppa.

Qualora la caviglia sia sottile e le gambe slanciate si può dar via libera ai svariati modelli, se invece la caviglia non è esattamente longilinea è bene evitare i lacci che ne evidenziano esattamente la circonferenza. Se la gamba è tornita è importante giocare con le lunghezze dei capi ed evitare di evidenziare i punti meno forti della figura. Seguendo queste semplici regole possiamo poi confermare che sì, le espadrillas stanno bene a tutte.

LASCIA UN COMMENTO »